Buon Natale
di ladybird  - Letto 14196 volte.


Sdraiata sul divano, a gambe aperte, pulisco con un fazzoletto il liquido che colando dalle mie labbra si insinua fra le natiche.

La stanza intorno a me adesso è rossa, poi diventerà gialla, blu e ancora verde: davvero belle le lucette dell'albero che ho comprato quest'anno.
Dalla posizione in cui mi trovo devo storcere non poco il collo per guardarlo, ma ne vale davvero la pena.

Intanto ti sento affannare mentre ti rivesti. Non c'hai più la pompa.
Ne vale la pena, dicevo, perché mi è venuto veramente bellino quest'anno, e poi adesso è impreziosito dai pacchettini scintillanti che lo circondano.
Non vedo l'ora di aprirli…quello lì con il fiocco giallo è piccolino, ci sarà qualcosa di prezioso! Divento sempre così bambina in questi giorni!

Tu come ogni volta sei venuto e mi sei montato sopra con foga ed io, come ogni volta, ti ho lasciato fare. Non che mi dispiaccia, per carità, ma insomma…diciamo che c'è di meglio, ecco!
Ma del resto ne vale la pena: guarda quanti bei regalini…e quello così grande cosa sarà?

E poi tutto quello sbuffare ed ansimare, si sente che gli anni passano, eh? Ma non sarebbe meglio ormai abbandonarsi alla pace dei sensi?
No, lo dico per te, fatichi sempre di più e ci metti un'eternità a venire…
Vabbè tanto per me è tutto di guadagnato…e quello con la carta rossa? Sembra una cosa morbida, magari quel maglioncino di cachemire che ho visto l'altro giorno…

Adesso stai affannando sempre di più, mi giro e ti guardo mentre cerchi di risalire dal camino.
E che cazzo Babbo Natale, ma per l'anno prossimo perdere un paio di chiletti no?





Tutti i diritti riservati - redladybird.org - Per contatti scrivere a: info@redladybird.org